Magazine

9 ragioni per cui Barcellona è molto di più che Gaudí

Redazione




Spesso si tende a limitare l’immagine della capitale catalana ai lavori dell’architetto modernista Antoni Gaudí. Ma Barcellona offre molto di più oltre alle sue insolite opere

 

Non tutte le opere moderniste di Barcellona sono di Gaudí

Gaudí è certamente il più famoso architetto modernista della città, ma questo non significa che sia anche l’unico. Difatti, a Barcellona si trovano molte altre opere di altri modernisti, altrettanto imperdibili nonostante la minore celebrità: ad esempio, il Palau de la Música Catalana (Palazzo della Musica Catalana).

Questo splendido e particolare edificio fu disegnato da Lluís Domenech i Montanar, contemporaneo di Gaudí.

 

Paulau de la Musica Catalana



 

Un altro luogo da non perdere è l’Hospital de Saint Pau, opera sempre di Domenech y Montanar, che nel 1997 stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

 

Hospital de Saint Pau

 

L’architettura del quartiere Gotico

La città di Barcellona era all’avanguardia nell’architettura già da tempo prima di Gaudí. Il quartiere Gotico è un fine esempio dello stile gotico del sud Europa. Le sue stradine strette e tortuose conducono in piazze affascinanti e cortili nascosti, che risalgono a secoli fa.

 

Architettura contemporanea

Barcellona a partire dal 1980 ha visto la nascita di straordinari edifici disegnati da alcuni dei più noti architetti contemporanei: Jean Lenouvel, Ricardo Bofil, Frank Gehry e Richard Meier.

I suoi capolavori includono il blocco di appartamenti Walden 7 nei sobborghi della città, il MACBA (il museo di arte contemporanea), e la Torre Glòries (più formalmente Torre Agbar).

 

Walden 7

 

Picasso, Mirò e gli altri

Barcellona non è degna di nota solo per la sua insolita e bellissima architettura, ma anche perché è sede di alcuni dei migliori lavori di artisti famosi come Pablo Picasso, Joan Miró, Antoni Tapiés e molti altri.

La Fondazione Mirò sul Montjuïc raccoglie la più ampia collezione pubblica dei lavori dell’artista, mentre il MACBA ospita notevoli esempi di arte contemporanea di artisti spagnoli e internazionali.

 

La street art è stupefacente

Una città con una lunghissima storia artistica, che ospita monumenti e lavori di cui sopra, in questi anni sta offrendo anche un altro tipo di arte lungo i muri delle sue strade.

La street art di Barcellona ha attratto giovani da tutta Europa e dal mondo, dando nuova vita alle vie della capitale e agli spazi pubblici.

 

 

Visitate Barcellona per provare la cultura Catalana

Oltre alla sua fantastica architettura e la sua provocatoria scena artistica, Barcellona è anche la capitale della Catalogna e come tale offre un assaggio unico della cultura locale, a partire dal cibo, alla musica e al folklore.

Gli indigeni sono incredibilmente fieri della loro eredità culturale e ci sono feste durante l’anno che mostrano il meglio dell’identità e della cultura catalana.

 

Il cibo ti farà venir voglia di tornare

Dai tradizionali bar di tapas ai ristoranti raffinati all’avanguardia, la scena culinaria a Barcellona è una delle migliori in Europa.

In più, il prezzo del cibo in città è assai più basso che nelle altre maggiori città europee come Londra, Parigi o Copenhagen.

 

 

È casa della leggendaria squadra del FC Barcelona

La capitale catalana è ovviamente anche la sede della squadra calcistica FC Barcelona, nota ai fan più semplicemente come Barça. Lo stadio di calcio della squadra, il Camp Nou, è il più grande nel suo genere in Europa ed è aperto al pubblico quando non ospita partite.

L’esperienza al Camp Nou include un giro nel museo del FC Barcelona che contiene centinaia di memomorabilia e trofei della squadra.

 

Camp Nou

 

Shopping 

Dopo aver ammirato l’architettura, assorbito tutta la cultura possibile, e indugiato un po’ sui piatti tipici, lascia un po’ di tempo per lo shopping.

Barcellona ha qualsiasi cosa, dalle boutique di design a workshop di artigiani indipendenti, così come negozi dei brand più famosi.

 

 

Fonte: TheCultureTrip

 

 

 


  • comments powered by Disqus