Magazine

15 aziende affidabili per un’esperienza di volontariato all’estero

Redazione




Hai voglia di partire per un’esperienza oltre frontiera? Dai un’occhiata a queste 15 aziende affidabili per un’esperienza di volontariato all’estero

 

Molti di noi hanno avuto la fortuna di fare esperienze di volontariato all’estero durante una pausa tra un lavoro o la scuola.

Indipendentemente dal fatto che tu abbia studiato all’estero o offerto volontario in un altro paese come studente, l’opportunità di trascorrere del tempo all’estero non dovrebbe cessare una volta entrato nel mondo del lavoro.

 

Per fortuna, le aziende stanno diventando sempre più coscienziose del benessere della loro forza lavoro, al punto di offrire alcuni incentivi davvero convincenti, compresi i permessi retribuiti per il volontariato all’estero.

Queste iniziative, non solo rendono felici i dipendenti, ma le aziende stesse. Una proposta vantaggiosa, che migliora la cultura aziendale, distingue il marchio e sviluppa una forza lavoro esperta a livello globale.

 

 

Se sei attualmente nel mondo del lavoro come giovane professionista o stai cercando di passare a un’altra società, tieni conto di un’opportunità di volontariato retribuita e di altri vantaggi correlati alle ferie.

Puoi identificare le aziende che hanno valori di risonanza nell’incoraggiamento e la remunerazione dei propri dipendenti qualificati a fare volontariato in tutto il mondo.

 

Ecco un elenco di 15 aziende con polizze di ferie pagate che consentono ai dipendenti di applicare le loro competenze come volontari all’estero durante la loro vita professionale.

Alcuni di loro sono aziende importanti di cui si è sentito parlare in passato, come Microsoft e IBM, mentre altre sono piccole aziende o start-up che incorporano il servizio nel loro settore di nicchia.

 

 

 

1. Salesforce

Questa azienda di software offre ai dipendenti 7 giorni di ferie retribuite all’anno per offrirsi come volontari nel progetto di loro scelta. Salesforce lo chiama VTO, Volunteer Time Off.

Dicono di aver visto un tasso di partecipazione dell’82% dai loro 20.000 impiegati globali e persino di offrire una sovvenzione di $ 1.000 per i dipendenti che completano tutti i 7 giorni l’anno.

 

2. Timberland

Quando fu lanciato il programma Path of Service ™ dell’azienda, i dipendenti ricevettero 16 ore di servizio di comunità retribuite all’anno; da allora è aumentato a 40 ore retribuite all’anno.

Inoltre, Timberland offre ai dipendenti un programma di congedo retribuito fino a sei mesi per “fornire un servizio di costruzione di capacità trasformative a organizzazioni non profit”.

Sei mesi per fare volontariato ovunque? Sì grazie!

 

 

3. Eli Lilly & Company

Questa azienda farmaceutica propone il programma Connecting Hearts Abroad, invia i dipendenti in vari paesi per fare volontariato per due settimane, fornendo oltre 70.000 ore di servizio in più in una dozzina di paesi.

Questo ha anche benefici per l’azienda. “Più comprendiamo le diverse culture, più efficace possiamo essere in un mercato globale “, afferma Rob Smith, senior director di Eli Lilly per la responsabilità aziendale.

 

4. Flatiron

Società di costruzioni che ha collaborato con il non profit Bridges to Prosperity, che fornisce passerelle per attraversare il fiume in pericolo di vita alle comunità rurali di tutto il mondo.

I dipendenti si sono offerti volontari per costruire passerelle in El Salvador, Nicaragua, Guatemala e Honduras, e l’azienda prevede di costruire almeno una dozzina di passerelle in tutto il mondo nei prossimi cinque anni.

 

5. PricewaterhouseCoopers

PricewaterhouseCoopers  è una delle 100 migliori aziende per cui lavorare. Compagnia ben nota anche per una varietà di programmi sponsorizzati che permettono ai dipendenti e persino agli stagisti di fare volontariato all’estero.

Uno dei migliori esempi è il loro progetto Belize, che ogni anno invia dipendenti a insegnare alfabetizzazione finanziaria nelle scuole in Belize.

 

 

6. Deloitte

Jonathan Copulsky, responsabile di Deloitte Consulting, spiega che i dipendenti sono “tremendamente appassionati di restituire” e l’organizzazione ha “una lunga eredità di impatto”.

Negli ultimi anni, i dipendenti di Deloitte hanno lavorato su oltre 1.000 progetti pro bono.

La compagnia conduce viaggi di servizio, in cui oltre 200 professionisti partecipano a progetti di consulenza relativi a una settimana di servizi per le organizzazioni non profit locali e le microimprese negli Stati Uniti e in paesi in via di sviluppo.

 

7. Patagonia

Patagonia si occupa di cause sociali e ambientali, con un eccellente programma di tirocinio dei dipendenti.

Ogni anno, paga diverse decine di dipendenti per completare uno stage di un mese presso organizzazioni no profit di tutto il mondo.

Il sito web della società recita: “Ai dipendenti di tutte le parti dell’azienda sono concessi fino a due mesi di distanza dai loro ruoli regolari per lavorare per il gruppo ambientale di loro scelta, pur continuando a guadagnare stipendi e benefici.”

 

8. Dow Corning

Dow Corning, azienda produttrice di siliconi, ha un servizio di assistenza al cittadino che paga i dipendenti per viaggiare all’estero e svolgere attività pro bono.

La società ritiene che le sfide della vita all’estero e l’opportunità di risolvere problemi dinamici del mondo reale forniscano ai dipendenti preziose capacità di leadership che migliorano il loro sviluppo nell’azienda.

 

 

9. Microsoft

Microsoft Employee Giving Campaign consente ai dipendenti di prendere fino a quattro mesi di distanza per imparare e aiutare le organizzazioni non profit in tutto il mondo.

Eseguono inoltre un programma che aiuta i dipendenti Microsoft a offrire il proprio tempo e le proprie competenze in progetti legati alla tecnologia in università, scuole, piccole e medie imprese e start-up per 1-2 settimane alla volta.

 

10. Pfizer

Il gigante farmaceutico Pfizer gestisce un programma di volontariato internazionale chiamato Global Health Fellows Program.

I dipendenti hanno la possibilità di andare all’estero con organizzazioni di sviluppo internazionali con l’obiettivo di utilizzare le loro competenze mediche o commerciali per affrontare i problemi di salute pubblica a livello globale.

 

11. IBM

IBM è una delle più antiche aziende e il suo programma di volontariato ha oltre 100 anni di esperienza.

Il programma, attraente ai giovani professionisti, invia circa 500 dipendenti ogni anno in viaggio all’estero per “lavorare in collaborazione con le controparti governative e comunitarie per capire come implementare pratiche commerciali socialmente responsabili con risultati misurabili in un contesto globale. ”

 

 

12. Credit Suisse

Il Credit Suisse, società leader di mercato a livello mondiale nell’ambito dei servizi finanziari, ha gestito il programma Global Citizens Program (GCP), offrendo l’opportunità ai dipendenti di sostenere organizzazioni selezionate nei settori dell’istruzione e della microfinanza all’estero.

Offre ai dipendenti l’opportunità di affrontare incarichi nelle comunità oltreoceano e 4 giorni di tempo libero volontario retribuito ogni anno.

 

13. Ernst & Young (EY)

La centrale elettrica di consulenza Ernst e Young Boat fanno parte di un programma che mette in contatto dipendenti e imprenditori con le migliori consulenze del mondo per accelerare la crescita del business delle organizzazioni selezionate senza alcun costo.

 

14. Novo Nordisk

Compagnia farmaceutica danese, rende il coinvolgimento della comunità una parte fondamentale del suo sistema di valori.

Nel 2014 hanno lanciato un portale aziendale che aiuta i dipendenti a trovare opportunità di volontariato e persino un “gruppo di sensibilizzazione sociale” incaricato di organizzare i progetti di servizio.

Per di più, offre ai dipendenti 10 giorni di ferie retribuiti all’anno solo per i volontari.

 

volontariato internazionale sve in ucraina

 

15. Vai oltremare

In una società di viaggi dedicata ad aiutare gli altri a esplorare il mondo, Go Overseas offre anche una delle politiche di vacanza dei dipendenti più innovative del settore, qualcosa che ci piace chiamare “vacanze pagate“.

Ciò significa che, oltre ai giorni di assenza di ogni dipendente (e ai giorni festivi), ricevono 5 giorni extra per fare un viaggio gratuito su un programma gestito dai partner – inclusi programmi di volontariato, di avventura o incentrati sulla lingua.

Offrono inoltre un’indennità di volo di $ 1.500 per aiutare i dipendenti a viaggiare ovunque nel mondo che scelgono una volta all’anno durante il loro periodo di riposo.

 

 

 

FONTE GO Overseas

 

 

 


  • comments powered by Disqus