Magazine

5 consigli utili per vivere al meglio uno scambio culturale a Barcellona

Redazione




Città fervida, dai mille colori e dalle infinite opportunità: Barcellona è tutto questo, e anche di più. Nel caso foste con la valigia in mano, pronti a partire, ecco 5 consigli utili per vivere al meglio uno scambio culturale a Barcellona

 

 

Siete in procinto di partire per un semestre o un anno di studi a Barcellona? Siamo sicuri che questa per voi sarà un’esperienza indimenticabile.

Prima di partire, però, lasciatevi dare qualche consiglio su come vivere al meglio questa meravigliosa città fin da subito.

Ecco cinque piccoli accorgimenti che vi permetteranno di entrare subito nel clou della vita di Barcellona, e forse vi eviteranno qualche imprevisto.



 

1. Chiedere la carta europea di assicurazione per malattia

Prima di partire, è importante chiedere la Carta europea di assicurazione. Questa carta è gratuita e se vi ammalate durante il vostro soggiorno a Barcellona, vi permetterà di ricevere le cure necessarie senza pagare alcun anticipo.

 

2. Condividere l’alloggio

Barcellona è una città più economica di Londra o Parigi, però gli affitti non sono esattamente a buon mercato. Quindi, se avete un budget serrato o non volete spendere troppo nell’alloggio, la soluzione migliore resta quella di condividere la casa. E inoltre, il fatto di condividere una casa può essere un’esperienza indimenticabile!

Se volete più informazioni e consigli, sul sito Piccole Dritte per Barcellona troverete un articolo intero dedicato all’alloggio per studenti a Barcellona. Convivere significa innanzitutto condividere uno spazio di vita quotidiana.

 

È molto importante trovare un accordo sulle cose di base. A volte, questo significa cucinare per gli amici o anche aprire la porta al coinquilino che ha dimenticato le chiavi!

 

 

Barcellona

3. Sportarsi per la città coi trasporti pubblici

Un biglietto della metro o dei trasporti pubblici è valido per tutti i viaggi in metro, bus, tram o ferrocarril!

Se avete meno di 25 anni, il biglietto TJove può essere molto interessante per voi, si tratta di un biglietto personalizzato valido per un numero illimitato di viaggi per 90 giorni consecutivi.

Se dovete prendere il trasporto pubblico per andare all’università e per spostarvi per la città, con questo biglietto risparmierete molti soldi! D’altra parte, se avete più di 25 anni, c’è anche un biglietto per 3 mesi, T-Trimestre.

Questo biglietto costa un po’ di più ma è anche interessante se pensate a spostarvi abbastanza per la città.

 

4. Aderire alle biblioteche municipali di Barcellona

Grazie a questa tessera potrete approfittare di numerose riduzioni in moltissimi centri d’interesse culturale della città. Infatti, con questa tessera avrete diritto a sconti in oltre 120 centri come musei, teatri e perfino al cinema!

 

 

5. Adottare il ritmo spagnolo

Gli orari in generale in Spagna sono un po’ sfalsati rispetto all’Italia, la giornata inizia e finisce più tardi. L’ora del pranzo è dalle 14:00 alle 16:00 e si cena attorno alle 21:00-22:00.

 

 

Ora non ci resta che augurarvi un buon soggiorno a Barcellona!

 

Fontepiccoledritteperbarcellona.com

 

 

 

 

 


  • comments powered by Disqus