Magazine

Le 7 differenze fra un turista e un viaggiatore

Redazione




Selfie stick, trappole per turisti, cibo locale, avventura. Le 7 differenze fra un turista e un viaggiatore.

 

Ci sono due tipi di persone che viaggiano nel mondo: i turisti e i viaggiatori. Nessuno di questi è considerato totalmente il migliore o il peggiore, ma sicuramente hanno delle caratteristiche che rendono le loro esperienze di viaggio completamente diverse.

 

Ecco le 7 differenze fra un turista e un viaggiatore.

 



1. Un Turista tira fuori barriere un Viaggiatore si integra

Bastoni di selfie che intasano il marciapiede, calzini con i sandali. Tutti hanno visto questo tipo di turista che a volte risulta imbarazzante, attirando a se talvolta, l’attenzione negativa con comportamenti sociali curiosi.

 

Al contrario un viaggiatore fa del suo meglio per integrarsi e fondersi con le persone del posto. Sembra che sappiano sempre dove andare anche se in realtà non è così, fanno tentativi per aderire alle norme sociali del luogo ospitante.

 

2. Il Turista mangia cibo standard il Viaggiatore prova il cibo locale

Nella maggior parte dei casi i turisti mangiano cibo familiare, che spesso comprende i cibi delle grandi catene.

Il viaggiatore sa che il cibo è strettamente legato ad ogni cultura. Il cibo rappresenta attraverso i sapori le sfumature di una cultura. Il succo è quello di uscire dalla propria comfort zone per provare il sapore della cultura di un paese.

 

 

3. Il Turista fa giri turistici il Viaggiatore parla con i locali

Il turista resta intrappolato nella propria comfort zone, e riesci a vedere solo le attrazioni principali, seguendo le guide mainstream. Non fanno uno sforzo per incontrare le persone del posto se non con quelle che viaggiano.

 

Un viaggiatore fa sforzi per incontrare persone da tutto l mondo. Provano a parlare con i locali, cercano di trovare i segreti della città, e le cose migliori che il posto ha da offrire. Sono alla costante ricerca di storie uniche che non si possono di certo trovare nelle guide.

I viaggiatori sanno che le persone del posto sono la risorsa migliore per esplorare un luogo nuovo.

 

 

4. I Turisti vestono comodo i Viaggiatori sono alla moda e vestono comodo

I turisti normalmente nella propria valigia mettono solo vestiti comodi. Non solo questo a volte può essere fuori moda, ma ha il rischio di non essere rispettoso delle norme del paese (religiose, culturali).

 

I viaggiatori preparano la propria valigia con intelligenza, sapendo che comfort e stile possono stare insieme. Si assicurano che i vestiti siano funzionali e alla moda, che includano alternative per conformarsi alle norme culturali.

 

5. I Turisti restano attaccati alla propria lingua mente i Viaggiatori tentano di imparare la lingua locale


I turisti parlano quasi sempre la loro lingua madre e solo in caso di estrema necessità fanno uno sforzo per imparare termini locali.

I viaggiatori provano a imparare delle parole chiave o frasi da usare durante il viaggio. Sanno come impararle e come dire le parole più semplici come ”grazie”, ”ciao”, ”per favore”.

 

6. I Turisti comprano i souvenir più costosi e i Viaggiatori trovano le occasioni


I turisti si fanno facilmente coinvolgere dalle trappole per turisti. Comprano i primi souvenir che trovano e credono che siano oggetti tipici del paese e soprattutto autentici.

 

I viaggiatori hanno bisogno di più tempo e fanno un grande sforzo per trovare tesori autentici. Sanno che c’è bisogno di una ricerca profonda ma il risultato è incredibile.

 

7. I turisti si fidano della mappa i Viaggiatori dell’istinto

I turisti si affidano selvaggiamente solo alle proprie mappe, come spostarsi da posti mainstream a posti mainstream. Spesso perdono l’avventura, l’occasione di provare ad esplorare  e perdersi in un posto che non è casa.

 

I viaggiatori si affidano al proprio istinto che li porta ad esplorare sempre nuovi luoghi. Questo non significa che non usano le mappe, ma semplicemente non sono preoccupati di perdersi e scoprire qualcosa di nuovo.

 

 

Fonte: thecitysidewalks

 

 


  • comments powered by Disqus