Magazine

Porny: Pop Art provocatoria unita a confezioni di farmaci e non solo

Redazione




L’artista australiano Ben Frost ha realizzato Porny, Pop art provocatoria unita a confezioni di farmaci e non solo.

 

L’artista Ben Frost viene dall’Australia ed è vissuto per qualche tempo in Giappone.
La sua eversiva forma di pop-art contiene riferimenti ai manga giapponesi come ad una miriade di conosciutissime immagini di spot pubblicitari.

 

Un esempio ne è la famosa confezione di patatine del McDonald’s su cui sono state disegnate un’immagine erotica di una ragazza con abiti del Lichtenstein che viene frustata da una donna vestita come in epoca vittoriana.  E questo è solo uno dei lavori meno provocatori.

 



Frost rischia tanto quanto i propri lavori. Nel 2000 l’artista ha inscenato la propria morte come forma di pubblicità per incentivare il proprio show; addirittura gli inviti all’evento consistevano in fogli con su scritto “falso funerale”. Sempre nello stesso anno è capitato che un dipinto, durante lo show in collaborazione con l’artista Rob Bunter sia stato squarciato da un assistente.

Non è difficile da capire quanto il lavoro di Ben possa fomentare l’ira di qualcuno.

 

Mescolare immagini di propaganda con immagini pornografiche di Dracula, Ren o Stimpy su una scatoletta di Epinephrine è forse un po’ oltre le aspettative di molti.

Ogni tanto Ben vende le sue opere sul suo sito: “Ben Frost IS DEAD“.

Alcuni di questi lavori hanno un contenuto NSFW: non appropriato.

 

 

Fonte: dangerousminds

 

 


  • comments powered by Disqus