Stage

Stage a Bruxelles in comunicazione e cooperazione internazionale con PICUM

Redazione




Sei laureato in comunicazione o diritti umani, e stai cercando l’occasione giusta per lavorare all’estero? Quest’offerta di stage a Bruxelles in comunicazione e cooperazione internazionale potrebbe fare proprio al caso tuo.

 

Dove: Bruxelles, Belgio

Quando: dal 5 marzo al 31 agosto 2018

 

Descrizione dell’offerta

PICUM, la piattaforma per la cooperazione internazionale che agisce per garantire giustizia sociale e diritti umani per i migranti privi di documenti, è momentaneamente alla ricerca di uno stagista da inserire all’interno del proprio organico, dal 5 marzo al 31 agosto 2018



 

Mansioni previste

  • supporto alla gestione dei contatti e delle richieste di informazioni.
  • aggiornamento dei contenuti del sito Web, produzione di newsletter e monitoraggio delle notizie.
  • mantenimento delle comunicazioni con membri e partner, così come delle relazioni con i media e la sensibilizzazione strategica.
  • assistere nell’organizzazione degli eventi interni ed esterni di PICUM.

 

E’ previsto anche un lavoro di traduzione testi (a seconda delle competenze linguistiche) e aggiornamento della biblioteca e-library di PICUM.

 

LEGGI ANCHE: VIVERE E LAVORARE IN BELGIO

 

Requisiti richiesti

  • Laurea in comunicazione, diritti umani o altri settori pertinenti.
  • Competenze nella gestione del database e CMS 
  • Esperienza nell’uso strategico dei social media
  • Forti capacità di scrittura in inglese
  • Conoscenza del software di editing e produzione di media audiovisivi

 

Condizioni economiche

PICUM fornirà al candidato un contratto belga di Immersion professionnelle, con una retribuzione di 766 euro al mese, oltre a spese di trasporto locale e assegni a pranzo.

 

Maggiori informazioni

Per maggiori informazioni o per ricevere istruzioni sulla candidatura, potete accedere alla pagina dell’offerta cliccando il form arancione qui sotto.

 

 

Scadenza

14 febbraio 2018

 

 

 


  • comments powered by Disqus